Vrykolakas - Il Giornale dei vampiri - L'unico giornale dedicato alle creature della notte, i Vampiri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vrykolakas

Nel mondo

Il V. è una figura prettamente greca, intimo antenato del vampiro. Esso è un morto che non si decompone, perchè non è morto in pace con la chiesa ortodossa. Fra coloro che diventano V., ci sono i suicidi, gli assassinati che non sono stati vendicati, i bambini concepiti o nati in un giorno di grande festa religiosa, i nati morti, gli spergiuri. Si aggiungono le persone maledette dai genitori o dal sacerdote, i non bettezzati, gli apostati, gli stregoni, coloro che hanno mangiato carne di un agnello ucciso da un lupo, o sul cui letto di morte è saltato un gatto o un altro animale, ma soprattutto gli scomunicati. Se esiste una letteratura più antica sulle curiose caratteristiche dei cadaveri degli scomunicati in Grecia, la prima trattazione articolata sul V. è quella di Leone Allazio o Allaci (1586-1669) nel suo De quorundam Graecorum opinationibus pubblicato a Colonia nel 1645.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu